Escursionismo

Arrampicata

Attività per tutti


Come raggiungere i Piani dei Resinelli

AUTOMOBILE
I Piani Resinelli si raggiungono in auto seguendo le indicazioni stradali per la Valsassina. Arrivati a Ballabio si prende la strada che porta a destinazione in quattordici tornanti. Diversi ampi parcheggi permettono di lasciare l'auto e fare delle passeggiate o prendere il sole sui prati.


MEZZI PUBBLICI
Da Milano e dalla Brianza si può raggiungere agevolmente la stazione dei treni di Calolziocorte dalla quale partono i pullman che arrivano direttamente ai Piani Resinelli (orari dei Pullman) , altrimenti la stazione di Lecco dalla quale si può scegliere di raggiungere i Resinelli nei seguenti modi:
  • VAL VERDE (esperti – tratto con catene): da Lecco si possono raggiungere a piedi andando in pullman a Rancio (frazione di Lecco)e dalla piazza si attraversa la frazione per giungere all’attacco del sentiero (una scalinata asfaltata nel tratto iniziale): sovrasta questa parte iniziale l’imponente parete del Corno Medale. Passate le case di Brogno e lasciato sulla destra il bivio per la ferrata al Medale (presso le reti parafrane) si guadagna quota in mezzo al bosco, fino alla Cappella della Madonna del Carmine, che domina con vista pregevole sulla città di Lecco. 
    Si prosegue sulla sinistra per una leggera salita al termine della quale, al bivio per il Corno Medale, si prende la discesa a sinistra raggiungendo in seguito l’ex convento di S.Martino, oggi Rifugio Piazza. Procedendo oltre la chiesa verso Nord ben presto si entra nel selvaggio ambiente della Val Verde. La valle si presenta irta e strapiombante sullo scuro ramo del Lago di Lecco: qui il sentiero si fa più accidentato e presenta frequenti saliscendi. Un breve tratto attrezzato con catene risale rapidamente verso la Bocchetta del Portantino, incrociando il sentiero dei Tecett (n.54). Si procede sulla destra, risalendo un costolone erboso e raggiungendo il culmine della valle. Dopo aver raggiunto il culmine, una comoda carrareccia che si inoltra nel bosco porta ai Piani Resinelli, mentre un piccolo sentiero sulla sinistra porta in meno di cento metri al Forcellino. Qui la vista spazia su diversi ambienti così diversi e contrastanti tra loro: le rocce verticali del Coltiglione, il blu del lago, i monti del triangolo Lariano e il brulicare della Brianza all’orizzonte. Dal Forcellino in breve si raggiungono i Piani Resinelli. La Val Verde si può anche concatenare con il sentiero dei Pizzetti (tratti attrezzati) che copre un percosrso con il dislivello di 1200 mt.
  • VAL CALOLDEN (elementare) da Lecco raggiungere in pullman l'abitato della frazione di Laorca (capolinea) e da li salire per il sentiero della Val Calolden che arriva di fianco al Rifugio SEL.
  • VAL GRANDE (elementare) da Lecco si raggiunge in pullman Ballabio e da li inizio una bella escursione e, se così si può dire, veramente a un tiro di schioppo da Milano. Nonostante il suo nome impegnativo questa Val Grande è una piccola - ma panoramica - valle trasversale della Valsassina, poco battuta e proprio per questo più suggestiva di altri luoghi più conosciuti e abusati. Da Ballabio si imbocca non lontano dal Municipio la Via Confalonieri e si prosegue oltre il Ponte del Re (non si attraversa) e il lavatoio, si avanza per la Via Grigna finchè la strada asfaltata finisce e inizia la sterrata. La segnaletica è praticamente inesistente, quindi nell'incertezza chiedete indicazioni sul posto (solo più avanti troverete un cartello in legno per i Resinelli, ma ormai non vi serve più: siete già sul sentiero). In circa 2 ore di tranquilla salita, alternata da gradevoli tratti pianeggianti, il sentiero supera i 600 metri di dislivello che ci separano dai Piani Resinelli, passando attraverso radi boschetti e massicci blocchi rocciosi. Si cammina sotto il piglio severo del Corno del Nibbio, famosa palestra di roccia per molti arrampicatori e sorta di intransigente sentinella all'accesso della valle: la sua forma a tronco di cono evoca vagamente la solitaria bellezza dei rilievi della mitica Monument Valley ! Bello l'avvicinamento all'Alpe Cavallo: splendido spiazzo panoramico, con grandi distese erbose e belle baite sparse qua e là, circondate in lontananza dalle aguzze roccione del gruppo delle Grigne. Questa alpe dà il nome a una delle due miniere (miniera Cavallo e miniera Anna) che ora si possono visitare ai piani Resinelli: per secoli nella pancia di queste tranquille vallate (in particolare nella Val Calolden) si è svolta un'incessante attività mineraria che ha portato alla creazione di un dedalo incredibile di chilometri e chilometri di gallerie. Sotto la coltre rassicurante delle rocce e della vegetazione c'è tutto un mondo diverso, insospettato e oscuro, una storia secolare fatta di povertà, lavoro estenuante e rischi imprevedibili. 
    Dall'Alpe Cavallo si prosegue per la mulattiera che si dirige verso sinistra sino ad arrivare alle prime case dei Piani Resinelli e alla strada asfaltata che conduce in pochi minuti al nostro panificio (sulla destra) e al parcheggio dei Piani Resinelli.

    I Piani Resinelli sono raggiungibili anche dai paesi di Abbadia Lariana e Mandello del Lario serviti dal treno sulla linea Milano-Lecco-Sondrio.

    Per i sentieri cartina n. 105 della Kompass LECCO-VALLE BREMBANA
    Carta Turistica ed Escursionistica 1:35.000 GRIGNE RESEGONE CAMPELLI TRE SIGNORE LEGNONE della Comunità Montana della Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera (presso APT Azienda Promozione Turistica del Lecchese)


  •  
    IL FORNO DELLA GRIGNA di Geppe Ticozzi e Elisa Ghezzi / Via Cassin 3 / Piani dei Resinelli (LC) / Tel. 0341 590 140 - cell. 338 1197 086
    © 2013 Il forno della Grigna - web design www.ladesign.it